Giovedì, Novembre 15, 2018

Noi comboniani, comboniane, secolari comboniane e laici comboniani presenti in varie nazioni d’Europa, al termine del simposio a Limone sul Garda (29 marzo-2 aprile 2016) dedicato al tema: “Migrazione e missione”, vogliamo riaffermare la nostra solidarietà al fianco dei nostri fratelli e sorelle che giungono da noi in fuga da guerre, persecuzioni, dittature e crisi ambientali.

Intendiamo ribadire che l’accoglienza dello straniero, con forza sottolineata da papa Francesco – «i profughi sono la carne viva di Cristo» –, è un’esigenza fondamentale del Vangelo. Desideriamo altresì sottolineare che l’apertura all’altro, nella sua diversità culturale e religiosa, è un’occasione di crescita che arricchisce la nostra identità di esseri umani e cristiani.

Siamo preoccupati della crescente penetrazione nella società di pregiudizi e sentimenti islamofobi propagandati da politici e intellettuali che, con grossolane semplificazioni, sembrano non fare distinzione tra islam e terrorismo islamico, insinuando non di rado che la violenza è insita nella stessa religione islamica. Tali pregiudizi e atteggiamenti ostili rafforzano nei nostri fratelli e sorelle musulmane sentimenti di esclusione, con un effetto particolarmente deleterio sui giovani delle seconde generazioni di immigrati che più facilmente rischiano di finire arruolati nelle file del Gruppo Stato islamico.

Desideriamo quindi ribadire il nostro impegno a favore del dialogo interreligioso, dell’approfondimento di altre fedi e dell’impegno comune nella costruzione di una società fondata sul rispetto della diversità e della pluralità religiosa. Per noi ci può essere solo una umanità al plurale.

Come membri della famiglia comboniana in Europa vogliamo esprimere l’inequivocabile condanna del recente accordo tra l’Unione europea e la Turchia (18 marzo 2016) sulla questione dei migranti. La chiusura delle frontiere attivata da varie nazioni d’Europa per impedire l’ingresso ai profughi e il respingimento dei cosiddetti immigrati irregolari sono una palese violazione di convenzioni internazionali che sanciscono il diritto di asilo. Siamo convinti che la presenza di immigrati nei nostri paesi è un arricchimento sociale, culturale, religioso e, non ultimo, economico.

Mentre l’Europa è impegnata a costruire barriere per bloccare l’esodo dei profughi – esodo determinato soprattutto dalle guerre in Medio Oriente e Libia – troppo poco viene fatto per mettere fine ai conflitti armati che sono alla radice delle migrazioni forzate. Chiediamo pertanto ai nostri governi di interrompere la vendita di armi a nazioni in guerra ed esercitare pressioni affinché le parti in lotta arrivino a negoziare una soluzione pacifica.

Come famiglia comboniana confessiamo il nostro silenzio di fronte allo scandalo della corsa al riarmo globale e riconosciamo la nostra complicità con questo sistema economico-finanziario che permette a pochi di avere quasi tutto privando gran parte dell’umanità del necessario e che ha bisogno delle armi e delle guerre per perpetuarsi.

Come cristiani, discepoli di Gesù di Nazaret, rinnoviamo l’impegno a costruire un mondo più giusto, vivibile per tutti.



Profughi e migranti vanno trattati come fratelli e considerati come un’opportunità per costruire una società plurale e per rafforzare il dialogo interreligioso. L’Ue smetta di vendere armi e contribuisca a mettere fine alle ingiustizie e alle guerre.